Argyll

Fiordi sterminati, monumenti preistorici, isole remote, romantici castelli e distilleria: la contea di Argyll concentra il meglio della Scozia.

La contea di Argyll è delimitata a sud-est dal Parco nazionale del Loch Lomond e delle Trossachs e a nord dalla valle di Glencoe, con il lato occidentale interamente rivolto verso il mare. Seguendo l’itinerario costiero è possibile esplorare i fiordi o imbarcarsi per alcune tra le più belle e selvagge isole scozzesi, famose per i loro Whisky, come Jura, Islay, Arran o Mull.

A nord della contea si trovano una gran quantità di monumenti preistorici come caim (tumuli di pietre grezze) e menhir, tanto che nel raggio di 10 chilometri dal villaggio di Kilmartin si possono visitare ben 150 siti interessanti.

Inveraray

Questo incantevole borgo fondato dal terzo duca di Argyll dove sorgeva un antico villaggio di pescatori è un perfetto esempio di paese pianificato del ‘700: serviva a creare un centro legale e commerciale a beneficio dell’intera ragione.

Con le sue belle e ordinate case georgiane dalle bianche arcate che si rispecchiano nelle calme acque del Loch Fyne potrete ammirare un paesaggio davvero da cartolina, ideale per una sosta o per esplorare la regione circostante.

L’imperdibile Inveraray Castle, dimora del duca di Argyll, ricorda volutamente i maestosi castelli della Loira. Da non perdere anche una passeggiata fino al ponte ad arcate e una visita anche solo da fuori all’Arctic Penguin, una nave a tre alberi che risale al 1911.

Nei dintorni, lungo il fiordo Loch Fyne poco dopo Inveraray si trova un museo all’aria aperta, l’Auchindrain Township Open Air Farming Museum, che riporta alla memoria la vita rurale di un tempo nell’Argyll.

Proseguendo verso sud ovest si arriva agli spettacolari giardini di Crarae, dove arbusti delle zone himalaiane e di quelle temperate crescono presso un torrente tumultuoso insieme ai rododendri.

Castle Stalker

Appin PA38 4BL, Regno Unito (Sito Web)

Non lontano da Oban, percorrendo la A828 verso Port Appin, potrete ammirare uno degli scorci più famosi di Scozia, il misterioso Castle Stalker, che si staglia su un’isoletta in mezzo al mare.

Il castello è privato ma è possibile visitarlo in alcune date durante l’anno.

In ogni caso fotografarlo al tramonto, quando le acque si accendono dei colori caldi, è davvero fantastico: non a caso è uno dei più fotografati di Scozia.

Loch Awe

Loch Awe, Regno Unito

Il Loch Awe è di passaggio nel transito lungo la costa delle Highlands e vi ammalierà con la sua sagoma allungata e punteggiata di meravigliose isolette e una natura spettacolare che lo circonda, fra monti e vallate.

La zona è ricca di rovine fra cui il melanconico Kilchurn Castle, che si specchia sul lago e sembra uscito da un romanzo di Walter Scott: una sosta per scattare un’immagine da cartolina è d’obbligo ma per vederlo meglio occorre percorrere un tratto a piedi cercando di avvicinarsi alle rive del lago.

Mappa

Nella mappa seguente potete vedere la posizione dei principali luoghi di interesse citati in questo articolo.

Itinerario lungo la costa dell’Argyll

Percorso: 93 km

Seguendo l’itinerario costiero dell’Argyll è possibile esplorare i fiordi e la parte occidentale costellata di isole delle Highlands inferiori.

1° giorno

All’interno del parco nazionale del Loch Lomond e delle Trossachs, la strada risale e a Tarbet si lascia indietro le bellezze del Loch Lomond per costeggiare l’estremità settentrionale del fiordo Loch Long (long in gaelico significa nave) prima di addentrarsi nella valle Glen Croe.

L’itinerario prosegue costeggiando il fiordo fino a Inveraray. In questa piccola e attraente cittadina del Settecento ci sono molte cose da vedere tra cui il castello, la prigione (con rievocazioni storiche interpretate da attori) e una goletta a tre alberi, l’Arctic Penguin. Pernottamento nella zona in una località a piacere tra Inveraray e Lochgilphead.

2° giorno

Lungo il fiordo Loch Fyne poco dopo Inveraray si trova un museo all’aria aperta, l’Auchindrain Township Open Air Farming Museum, che riporta alla memoria la vita rurale di un tempo nelle Highlands.

Proseguendo verso sud ovest si arriva agli spettacolari giardini di Crarae, dove arbusti delle zone himalaiane e di quelle temperate crescono presso un torrente tumultuoso insieme ai rododendri. La strada piega di nuovo verso nord e si raggiunge la linda cittadina di Lochgilphead in riva al fiordo.

L’itinerario porta a Oban, un importante centro locale, porto di traghetti e punto di partenza per le isole occidentali. Data l’eccellente gamma di strutture ricettive, Oban è un ottimo posto dove pernottare. Ci sono inoltre ottimi negozi per fare shopping e svariati tipi di escursioni in mare.

3° giorno

Dirigendosi a nord di Oban si trova il Castello di Dunstaffnage da cui si gode una vista bellissima dello stretto di mare Firth of Lom.

Per finire, il ponte di Ballachulish vi porta a percorrere l’ultimo tratto di questo itinerario che va fino a Fort William, dove c’è un’ottima scelta di negozi e di ristoranti, un museo e una distilleria di whisky di malto. Questa è la capitale scozzese degli sport all’aria aperta e perciò troverete nelle vicinanze un’ enorme quantità di attività sportive, dalle arrampicate invernali su ghiaccio alle passeggiate estive in mountain bike.

Ti è stato utile questo articolo?

Il tuo parere per noi è importante, facci sapere che ne pensi usando le stelle

Valutazione media 4.7 su 13 voti
Condividi