Trekking in Scozia

La Scozia è una delle mete europee più apprezzate per la grandiosità dei suoi paesaggi e delle sue vedute spettacolari: conserva gelosamente angoli di natura incontaminata di impagabile bellezza.

Gli amanti delle passeggiate, del trekking e delle escursioni scelgono la Scozia per trascorrere qualche giorno immersi nella natura. Qui trovano sentieri e itinerari davvero unici, ben segnalati, che attraversano paesaggi meravigliosi caratterizzati da montagne, brughiere, prati fioriti, laghi blu cobalto e magnifici fiordi.

West Highland Way

Questo itinerario è tra i più spettacolari: parte da Glasgow e in 154 chilometri termina a Fort William. Il West Highland Way vi permetterà di ammirare una splendida varietà di paesaggi, passando tra le montagne più spettacolari del Regno Unito: il solitario Ben Lomond, l’imponente Ben Nevis, la montagna più alta della Gran Bretagna, il grande lago di Loch Lomond, le cascate di inversnaid e le valli di Glen Orchy e Glen Coe.

East Highland Way

Anche l’East Highlandè un itinerario molto suggestivo che, lungo i suoi 125 km, vi mostrerà la parte più orientale delle Highlands scozzesi, da Fort Williams fino ai territori del Cairngorms National Park ammirando numerosi castelli, foreste come quella di Rothiemurchus, siti preistorici e laghi meravigliosi come il Loch Laggan.

Great Glen Way

Gli amanti del mistero potranno seguire invece la Great Glen Way che da Fort William porta a Inverness in 127 km. Lungo il percorso potrete vivere l’atmosfera affascinante del celebre Loch Ness. Questo è uno dei percorsi più accessibili, ideale per escursionisti di tutti i livelli e attraversa fitte foreste, antichi castelli, forti militari e cascate suggestive.

The Clyde Coast Way

Se non avete molto tempo a disposizione potete scegliere questo percorso più breve, di soli 4 giorni, che nei suoi 80 chilometri collega le località costiere del sud-ovest della Scozia fra Ayr e Greenock. Vi regalerà vedute mozzafiato della pittoresca costa occidentale della Scozia, con le due isole di Cumbrae  e l’isola di Arra a fare da cornice e delle oasi protette del Clyde Muirshiel Regional Park. Punto di forza del percorso? Attraversare molti villaggi pittoreschi, chiese storiche e tradizionali pub dove fare una sosta rigenerante.

Kintyre Way

Uno degli itinerari più amati è sicuramente la Kintyre Way, un percorso che si snoda sulla lunga penisola del Kintyre, il territorio più vicino alle coste irlandesi e facile da raggiungere grazie alla vicinanza a Glasgow.
Inaugurata nel 2006 questa strada panoramica parte da Tarbert per arrivare a Dunaverty all’estremità sud della penisola, vicino al Mull of Kintyre: questa zona così suggestiva ha perfino incantato Paul McCartney che le ha dedicato una melodia di cornamuse e tamburi.
Gli amanti delle escursioni rimarranno senza fiato: meravigliosi paesaggi, pittoreschi villaggi di pescatori, castelli misteriosi e rovine melanconiche il tutto immerso in una natura lussureggiante con foreste di conifere, spiagge incontaminate e brughiere verdeggianti.

The Cape Wrath Trail

Ultimo, ma non per bellezza, The Cape Wrath Trail, il percorso più faticoso e impegnativo, adatto agli escursionisti più allenati che dovranno affrontare la zona più selvaggia di Scozia. Oltre alla difficoltà dell’itinerario, occorre mettere in conto le avverse condizioni atmosferiche che qui si abbattono sulla costa in qualsiasi stagione. Da Fort William, passando dagli angoli più sperduti ma spettacolari delle Highlands, arriverete a Cape Wrath, il punto più settentrionale della Scozia occidentale dove potrete ammirare il celebre faro costruito nel 1828 da Robert Stevenson, uno dei luoghi più romantici e anche più tempestosi del mondo.